LA RECENSIONE DI MARINA – DOMANI di Cyril Dion e Mélanie Laurent

domani-melanie-laurent-cyril-dionTITOLO: DOMANI; REGIA: Cyril Dion, Mélanie Laurent; genere: documentario; anno: 2016; paese: Francia; durata: 118′

Nelle sale italiane dal 6 ottobre, Domani è un interessante documentario diretto da Cyril Dion e Mélanie Laurent, i quali ci mostrano numerose soluzioni, al fine di salvaguardare il nostro pianeta e di migliorare la nostra qualità della vita.

Cinque sezioni (agricoltura, energia, economia, democrazia ed istruzione) per una sorta di road movie sotto forma di documentario che tocca quasi tutti gli angoli del pianeta: dalla Germania all’Inghilterra, dalla Francia alla Svezia, dalla Svizzera alla Finlandia, senza dimenticare gli Stati Uniti, l’India e l’Isola di Réunion.

dem-678x381Interessante, accattivante, decisamente di grandissima attualità. Se vogliamo, però, concentrarci per un momento esclusivamente sull’aspetto prettamente cinematografico di questo prodotto di Dion e Laurent, non possiamo non notare il tocco particolarmente televisivo che l’intero lavoro ha. Tutto viene raccontato in modo chiaro e lineare, su questo non v’è alcun dubbio. Eppure, se i due registi avessero voluto osare di più – sia per quanto riguarda il visivo che, ad esempio, la musica – forse l’impatto di ciò che si è voluto mettere in scena sarebbe stato anche maggiore sul pubblico. Analogamente, le voci degli stessi Dion e Laurent risultano apparire un po’ troppo didascaliche a tratti, oltre che forzate nel momento in cui si passa da una sezione all’altra. Detto questo, però, il messaggio che si vuole portare avanti arriva. E lo fa anche in modo semplice e diretto. Qualità, questa, di grande importanza, quando si vuole fare del cinema uno strumento prettamente politico, come in questo caso.

Ed è proprio il potere politico della settima arte che qui fa da protagonista assoluto. Perché, diciamolo pure, talvolta (anzi, più spesso di quanto si immagini) le innumerevoli potenzialità del mezzo cinematografico vengono sottovalutate. E non poco. Basti pensare a come determinate pellicole hanno avuto impatto sul pubblico ed a come gli spettatori di oggi tendono a restare “immuni”, nel momento in cui si trovano davanti gli prodotti considerati – a loro tempo – “rivoluzionari”. Ormai siamo abituati a vedere ed a sentire di tutto. Eppure, recandoci al cinema, possiamo trovare – oltre al semplice intrattenimento – anche un importante spunto di riflessione. A tale scopo, pertanto, Domani risulta perfettamente pertinente.

domani-trailer-italiano-del-documentario-di-cyril-dion-e-melanie-laurentPer quanto riguarda il messaggio finale, forse il lavoro di Dion e Laurent può sembrare un po’ troppo ottimista ed utopistico, quello sì. Ma, d’altronde, anche questa potrebbe rivelarsi una strategia vincente al fine di far arrivare al pubblico ciò che si è appena messo in scena. Chissà, però, che effetto avrebbero avuto immagini ben più crude e realistiche e prospettive di gran lunga più drammatiche. Questo non possiamo saperlo. Ma, al momento, ci basta pensare che un prodotto semplice, pulito e diretto come Domani possa smuovere un bel po’ di “menti pensanti”, al fine di porre rimedio al disastro che stiamo combinando nella gestione del nostro pianeta. E che il cinema, (anche) in questo caso, ci sia d’aiuto!

VOTO: 7/10

Marina Pavido

DESTINAZIONE GIFFONI – il 14 luglio si inizia con la maratona dedicata a LEONARDO DI CAPRIO

Ricevo e volentieri pubblico

Destinazione Giffoni, il 14 luglio si inizia con la maratona dedicata a Leonardo DiCaprio

La 46esima edizione al via ufficialmente il 15 luglio (ore 11)

maratona-dicaprioLa magia sta per ricominciare: mancano solo poche ore alla 46esima edizione del Giffoni Film Festival, in programma dal 15 al 24 luglio a Giffoni Valle Piana. Domani, giovedì 14 luglio, 4150 giurati potranno iniziare ad assaporare l’experience Giffoni con una maratona dedicata al Premio Oscar Leonardo DiCaprio.

In una proiezione non stop, in Sala Lumière dalle 14.30 alle 3.30, saranno presentati cinque tra i suoi migliori film. Si parte con PROVA A PRENDERMI di Steven Spielberg (141’, 2002), commedia sui generis in cui DiCaprio presta il volto a Frank W. Abagnale, un uomo dalle mille identità: medico, avvocato, pilota di linea e, soprattutto, un maestro della frode finanziaria. Segue THE DEPARTED – IL BENE E IL MALE di Martin Scorsese (151’, 2006), storia ambientata a South Boston dove il dipartimento di polizia dello stato del Massachusetts ha dichiarato guerra alla criminalità organizzata e al boss Frank Costello. Sempre dello stesso regista SHUTTER ISLAND (138’, 2010), basato sul romanzo del 2003 L’isola della paura di Dennis Lehane. Un avvincente thriller psicologico in cui il capo della polizia locale, Teddy Daniels e il suo nuovo partner, Chuck Aule (Mark Ruffalo), vengono convocati per indagare sull’inverosimile scomparsa di una pluriomicida, riuscita a fuggire da una cella blindata dell’impenetrabile ospedale di Ashecliffe. Penultima opera in scaletta è INCEPTION di Christopher Nolan (148’, 2010), in cui il protagonista, Dom Cobb, è un abilissimo ladro, il migliore al mondo quando si tratta della pericolosa arte dell’estrazione, ovvero il furto di preziosi segreti dal profondo del subconscio mentre si sogna, quando la mente è al massimo della sua vulnerabilità. Si chiude all’alba con THE WOLF OF WALL STREET (180’, 2013), ancora Scorsese, che mette in scena la vita frenetica e viziosa dei cosiddetti “lupi di Wall Street”, quei broker che, occupandosi di alta finanza, finiscono per rendere la propria stessa essenza un infernale groviglio di numeri da cui vengono imprigionati.

FotoSabinaGuzzantiIl taglio del nastro ufficiale del GFF (che quest’anno ha per tema DESTINAZIONE), invece, è previsto per venerdì 15 luglio (ore 11). Appuntamento, per la prima volta in 46 anni, fuori dalle mura della Cittadella del Cinema, dove oltre 4mila giurati accompagneranno il direttore Claudio Gubitosi nella cerimonia di apertura. Dal cuore del Festival si procederà fino al cantiere della Multimedia Valley, per ammirare quello che è il luogo pronto a diventare il futuro di Giffoni. Nel corso della cerimonia verrà scoperto un elemento dell’opera in ceramica vietrese dedicata al Premio Oscar, Carlo Rambaldi: la testa di King Kong.

sabina guzzanti3 PH TOMMASO SALAMINACresce l’attesa per gli ospiti nazionali ed internazionali. Star e astri nascenti, talenti capaci di stupire anche il pubblico più difficile sono pronti ad impreziosire questa edizione, tra i vari: Sabina Guzzanti ed Evanna Lynch. Verve comica, ironia, il tagliente punto di vista sull’attualità, sono da sempre i punti di forza della Guzzanti che, giovedì 21 luglio, racconterà al giovane pubblico la sua brillante carriera da attrice-autrice di satira teatrale e televisiva, oltre che da regista di lungometraggi.

Gli accaniti fan della saga dedicata al piccolo maghetto Harry Potter, invece, potranno incontrare, lunedì 18 luglio, la simpatica e stralunata Luna Lovegood (Evanna Lynch) che al Gff accompagnerà, My name is Emily, (2015) per la regia di Simon Fitzmaurice. Il lungometraggio rientra tra le opere in concorso nella sezione Generator +16.

SARDINIA FILM FESTIVAL – IL PROGRAMMA DI DOMANI

Ricevo e volentieri pubblico

Seconda giornata di proiezioni per il Sardinia Film Festival

EVENTO SPECIALE: OMAGGIO AI REGISTI DADAISTI

CINE-CONCERTO AL LICEO AZUNI

 Anomalo 

Fin dalle prime edizioni, il Sardinia Film Festival ha sempre riservato uno spazio importante ai ragazzi e alle scuole e anche quest’anno mette in cartellone un evento speciale realizzato insieme agli studenti del Liceo Classico Musicale Azuni: Il cinema delle avanguardie, un omaggio sonoro e visivo ai registi dadaisti del Novecento, che si svolge nell’Aula Magna dell’istituto martedì 23 giugno alle 18 (ingresso libero). L’ensemble musicale dell’Azuni, diretto dal docente Andrea Bini, accompagna la proiezione di cinque opere cult delle avanguardie storiche: Anémic Cinéma (1925) di Marcel Duchamp, Rhythmus 21 (1921) e Vormittagsspuk (1928) di Hans Richter, Retour à la raison (1923) di Man Ray, Entr’acte (1924) di René Claire. Ma gli studenti non si limitano ad eseguire le partiture. Con l’aiuto dei professori, infatti, hanno composto personalmente le musiche per tutte le pellicole, tranne che per l’ultima, che conserva le note originali di Erik Satie.

In contemporanea al Cinema delle Avanguardie, nell’Aula Verde del Quadrilatero (viale Mancini, 5), il festival propone fuori concorso alcuni cortometraggi selezionati da uno dei partner europei del Sardinia Film Festival, il Corona Fastnet Short Film Festival di Schull (Irlanda), presentati da Maria Pizzuti, una delle organizzatrici del festival irlandese.

Not anymore

Le proiezioni serali dei film in concorso iniziano come sempre alle 21 nel cortile del Quadrilatero. In programma nove cortometraggi, tra cui quattro italiani: Per un pugno di note di Maurizio Iezzi, Zacharie ya no vive aqui di Alberto Segre, Mathieu di Massimiliano Camaiti, Ultimo giro di Giuseppe Sansonna, che ha nel cast il volto noto di Giorgio Colangeli. In visione c’è anche Listen di Hamy Ramezan e Rungano Nyoni (vincitore all’ultimo Tribeca Film Festival): ambientato in Danimarca, il film mette a fuoco le difficoltà di comunicazione tra culture diverse. Da segnalare anche la “commedia noir” spagnola Anomalo di Aitor Gutierrez con Oscar Ladoire e il drammatico Not anymore: a story of revolution di Mattew Vandyke, che racconta la rivoluzione siriana attraverso le esperienze di un combattente ribelle e di una giornalista. Chiudono la serata il portoghese A cadeira per la sezione “Scuola” e il cortometraggio sperimentale Autogenic di Prakash H, che arriva da Singapore.

AAA CASTING & PROVINI – DOMANI 26 APRILE BITONTO

Ricevo e volentieri pubblico

CASTING PER “RICERCATORE ROMANTICO”
Saranno effettuate a fine Aprile le riprese della puntata pilota della fiction “Ricercatore Romantico” del regista Michele Lanubile.
E’ in corso il casting per la ricerca dei personaggi.
Progetto sostenuto dal bando “Living Labs Smart Puglia 2020” della Regione Puglia Produzione raggruppamento temporaneo di imprese formato da I.T.S. Informatica Tecnologie e Servizi s.r.l., Co.M.Media s.r.l., ECO-logica s.r.l., Laboratorio di Ricerca COLLAB, Associazione di Promozione Sociale PugliArte.
Produzione esecutiva: Fanfara Film.
Fanfara Film cerca, per protagonisti e ruoli secondari:
  • Attore protagonista tra i 18 e i 20 anni, con esperienze
  • Attore protagonista tra i 35 e i 45 anni, con esperienze
  • Ragazze tra i 18 e i 20 anni con esperienze
  • Donne età scenica tra i 70 e gli 80 anni
  • Uomini età scenica tra i 70 e gli 80 anni
I casting si terranno domani 27 Marzo dalle ore 10:00 alle 18:00 presso Officine Culturali – Bitonto, Largo Gramsci (zona Cattedrale).
Tutti i partecipanti devono presentarsi muniti obbligatoriamente di fotocopia di codice fiscale e carta d’identità
Per info: luca.cucci.casting@gmail.com

ORZIinCORTO 2015 CALL FOR ENTRIES!

Ricevo e volentieri pubblico

orzincorto 2015Il Concorso Internazionale del Cortometraggio ORZIinCORTO, organizzato dai componenti della commissione giudicante, dallAssociazione culturale Fatti d’Arte e dall’ Assessorato alla Cultura della città di Orzinuovi, raggiunge con entusiasmo la quinta edizione.

Il festival, che negli anni ha ricevuto più di 600 opere da tutto il mondo, prevede la realizzazione di un documentario, cortometraggio o video d’animazione della durata massima di 10 minuti (compresi titoli di testa e di coda) realizzato non prima dell’anno 2010.
La nuova edizione 2014-’15 prevede due sezioni: A e B.
A – Sezione a tema
Affamati di futuro. I giovani tra studio, lavoro che non c’è ed un domani da immaginare e costruire.”
B – Sezione a tema libero
La partecipazione è aperta a chiunque: dai filmakers nazionali e internazionali alle scuole d’Italia e di tutto il mondo alle Università/Scuole di Cinema.
L’iscrizione al concorso è gratuita e deve avvenire entro e non oltre il 16 febbraio 2015 (farà fede la data del timbro postale): per il foglio di registrazione e i dettagli sulla spedizione del materiale è necessario consultare il sito ufficiale del Comune di Orzinuovi (www.comune.orzinuovi.bs.it)
Per i premiati sono previsti premi in denaro dai 200 ai 500 euro, targhe di merito o pergamene o ulteriori Premi Speciali che la Giuria può riservarsi di assegnare.
Associazione  Fatti d’Arte

SCARICA IL BANDO  E LA SCHEDA DI ISCRIZIONE ORZIinCORTO 2015

VENEZIA 71 by Marina: Venezia…in gocce! (10° giornata)

Cari lettori, anche oggi, ecco per voi gli ultimi film presentati al Lido!

 

      SEZIONE “GIORNATE DEGLI AUTORI

The smell of us 3“THE SMELL OF US” – Larry Clark

Parigi. La storia di due adolescenti tra droga, alcool e prostituzione. L’ultimo film di Larry Clark è piuttosto deludente, il tema trattato è stato più volte adoperato, non viene raccontato nulla di nuovo e, a tratti, risulta anche piuttosto prevedibile. Dal punto di vista stilistico non ci sono particolari note di merito. Un film che si dimentica facilmente. VOTO: 5/10

 

 

      FUORI CONCORSO

The_Sound_And_The_Fury_38366“THE SOUND AND THE FURY” – James Franco

Una saga familiare in tre capitoli, ognuno dei quali racconta la storia personale ed il punto di vista di tre fratelli. James Franco è un bravo attore, ma come regista ha fin troppe pretese autoriali. Come lo scorso anno, il suo prodotto delude, risulta eccessivo. Come se, più che badare alla sostanza, Franco fosse di più preoccupato ad atteggiarsi a grande autore. Facendo venire allo spettatore voglia di abbandonare la sala prima della fine. VOTO: 5/10

 

FILM IN CONCORSO

“THE POSTMAN’S WHITE NIGHTS” – Andrej Koncalovskij

the postmanLa storia di un postino di un piccolo villaggio della Russia, tra routine quotidiana, notti in bianco e visioni notturne. Il film di Koncaloskij, girato con personaggi che realmente abitano nel paesino in cui la vicenda è ambientata, risulta un gran bel lavoro. I personaggi sono veri ed intensi, le immagini superbe, la fotografia magistrale. Particolare nota di merito al bambino, figlio di una ex compagna di scuola del protagonista. VOTO: 8/10

“GOOD KILL” – Andrew Niccol

Good-Kill-di-Andrew-Niccol-Ethan-HawkeUn maggiore dell’Aeronautica militare statunitense ha il compito di bombardare città e persone sospette in Afghanistan, comandando degli aerei a distanza e lavorando direttamente dagli Stati Uniti. Questo suo lavoro gli farà sentire la mancanza dell’adrenalina provata in volo e gli creerà problemi in famiglia. Film che rientra appieno nei canoni del blockbuster americano, prevedibile, ricco di stereotipi, a tratti addirittura irritante. Persino Ethan Hawke non convince e fa una pessima prova attoriale. Leone d’Oro per la banalità ed i luoghi comuni. VOTO: 3/10

 

Non mancate domani per l’ultima puntata di “Venezia…in gocce!”, con gli ultimi film in sala, i pronostici e tutte le novità di questa 71° Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia! Buon Cinema a tutti!

Marina Pavido

 

TUTTE LE “GOCCE” DI MARINA SONO QUI – https://entracteblog.wordpress.com/venezia-71-vista-da-marina/