Al via la prima edizione dell’Indiecinema Film Festival

Ricevo e volentieri pubblico

Dal 6 all’11 ottobre sarà online la sessione inaugurale

Si appresta ad entrare nel vivo l’Indiecinema Film Festival 2020, manifestazione cinematografica nuova di zecca che intende diventare un faro, per tutti quei filmakers che portano avanti un’idea di cinema indipendente, sia in Italia che all’estero.
Il neonato appuntamento festivaliero è sorto e si sta sviluppando a partire da un’intuizione di Fabio Del Greco, regista italiano già artefice della nascita di IndieCinema, piattaforma on line che da qualche mese a questa parte ospita alcune tra le produzioni indipendenti più valide e interessanti. Con lo stesso criterio qualitativo è stata avviata alcune settimane fa la selezione delle opere che parteciperanno a questa inedita kermesse cinematografica.

Secondo l’innovativa formula prescelta, i film di volta in volta selezionati saranno visibili sulla piattaforma stessa nel corso di sessioni trimestrali, tra loro distinte, durante le quali il pubblico potrà votare, esprimendo un voto da 1 a 10 nello spazio dei commenti sotto ogni film, i migliori cortometraggi, documentari e lungometraggi di finzione.
La premiazione avverrà invece dal vivo, “in presenza” come si usa dire oggigiorno. E tale evento è previsto per la prima metà di febbraio al CineTeatro Flavio di Roma, laddove verranno annunciati ufficialmente e proiettati i film vincitori e relativi premi, tutti concernenti la promozione e la diffusione delle opere preferite dal pubblico, con servizi professionali dal valore stimabile tra i 3000 e i 5000 Euro a seconda delle categorie.

La selezione ufficiale dei film in concorso viene portata avanti dal Direttore del
festival, il critico, saggista e giornalista cinematografico Stefano Coccia, assieme a un ristretto comitato di selezione che annovera personalità artistiche note anche per il loro costante impegno in favore del cinema indipendente, quali sono l’attrice Chiara Pavoni o i cineasti Federico Mattioni e Luca Gorreri.

La prima sessione del festival sarà on line su http://www.indiecinema.it dal 6 all’11 ottobre 2020, ed avrà ai blocchi di partenza una rosa di titoli davvero formidabile.
Ecco l’elenco ufficiale:

Il sogno di Omero by Emiliano Aiello, documentary, Italy 2018

Elephantbird by Masoud Soheil, short film, drama, Afghanistan 201

Il metodo Kempinsky by Federico Salsano, feature film, drama, Italy 2020

Il conte magico by Marco Melluso, Diego Schiavo, documentary, Italy 2019

Stromboli, fino all’ultimo battito by Hanspeter Aliesch, docu-fiction, drama,
Switzerland 2020

Corona days by Fabio Del Greco, feature film, drama, Italy 2020

Colibrì by Davide Canali, short film, drama, Italy 2020

Aggrappati a me by Luca Arcidiacono, short film, drama, Italy 2020

Herstory by Simon Barletti, short film, mockumentary, Italy 2020

Agnus Dei 70 by Flavio Sciolè, short film, experimental, Italy 2020

De feet by Vittoria Campaner, United States 2019

Occidente by Jorge Acebo Canedo, drama, 2019, Spain

The animal that therefore I am by Bea De Visser, short film, experimental,
Netherlands 2018

I film del festival sono compresi nel costo dell’abbonamento Indiecinema a soli €
5.99, con il quale si possono guardare anche tutti i film presenti nel catalogo.
Per saperne di più, leggere le sinossi, guardare i trailer dei film e sottoscrivere
l’abbonamento potete andare su
http://www.indiecinema.it/browse

Di seguito, invece, ecco la sigla del festival. Buone visioni a tutti!

ALTIN IN CITTA’ di Fabio Del Greco – imperdibile appuntamento con il Cinema Indipendente

locandina-orizzontale1-altin-in-the-cityGrandi novità in arrivo sul grande schermo, nel 2017! Il cinema indipendente – e, nello specifico, quello italiano – come abbiamo avuto modo di vedere, sta ottenendo, negli ultimi anni, sempre maggiori consensi da parte di pubblico e critica, oltre a grandi riconoscimenti nell’ambito di festival italiani ed internazionali. E, a quanto pare, anche la distribuzione sta dedicando uno spazio maggiore ad un certo tipo di cinema. Per l’anno nuovo, ad esempio, è prevista l’uscita di Altin in città, ultimo lungometraggio diretto da Fabio Del Greco – con protagonisti gli attori Rimi Beqiri e Chiara Pavoni – che tratta temi attuali come l’integrazione in un paese straniero, il desiderio di realizzare i propri sogni e la difficoltà a gestire il successo.

Altin è un giovane scrittore di talento che, venuto in Italia dall’Albania, sta per ultimare un libro in cui racconta la propria esperienza di migrante. Scoperto da una talent scout in seguito alla sua partecipazione ad una trasmissione televisiva, il giovane vedrà un altro ragazzo appropriarsi dei diritti del suo libro, in quanto ritenuto maggiormente adatto a diventare un personaggio pubblico. Le cose, però, prenderanno una piega inaspettata.

Una storia, questa qui raccontata, che è anche la storia di molti giovani che sognano il successo, ma che faticano a farsi strada. Una storia come tante, ma messa in scena in modo del tutto personale, con una forte componente onirica e grande potenza visiva, segno che – spesso e volentieri – lavorare da indipendenti ha dalla sua una totale libertà di espressione, oltre alla voglia di scoprire e sperimentare linguaggi nuovi e non convenzionali. E Altin in città è proprio questo: un lungometraggio che non ha paura di mettere in scena il nuovo e che, ci auguriamo, possa trovare un proprio, giusto riconoscimento da parte della distribuzione italiana.